DOCG ROSAZZO

IL TERRITORIO DEL FRIULI VENEZIA GIULIA

DOCG ROSAZZO

All’interno della zona DOC Friuli Colli Orientali, sono riconosciute tre zone DOCG: Ramandolo, Picolit e Rosazzo.

ROSAZZO DOCG

La denominazione indica un vino bianco secco, la cui zona di produzione si sviluppa nella parte meridionale della DOC “Friuli Colli Orientali”, ovvero nella zona collinare a cavallo tra i comuni della provincia di Udine, di Manzano e San Giovanni al Natisone, con una piccola diramazione nel comune di Corno di Rosazzo. Il terreno che caratterizza quest’area è composto da marne e arenarie di origine eocenica, questo suolo chiamato localmente “ponca”, viene definito “flysch” per la presenza alternata di queste due componenti.

I terreni di questa zona hanno un’ottima esposizione alla luce e ai raggi solari, i venti che arrivano dall’Adriatico tengono asciutti i filari e donano la nota di sapidità tipica dei vini di questo territorio. La spiccata freschezza è data dalla ampia escursione termica.

La base ampelografica dei vigneti che possono concorrere alla produzione del vino ROSAZZO DOCG è composta da Friulano, Sauvignon, Pinot Bianco o Chardonnay, Ribolla Gialla in minima parte (max 5%) altri vitigni bianchi presenti nel territorio.

Il metodo di affinamento è una scelta delle singole cantine, è consentito l’affinamento in legno, in acciaio o misto. Il vino ha grande personalità, il colore è giallo dorato, il sapore è secco e armonico, ricco e setoso e minerale. La caratteristica più importante che rende il ROSAZZO DOCG uno dei migliori vini della regione è il grande equilibrio tra morbidezza e acidità. Il bouquet è ampio, con note che spaziano dai frutti esotici, ai profumi vegetali con finali di salvia e balsamici.

La millenaria Abbazia di Rosazzo rappresenta da sempre il punto di connessione fra Occidente e Oriente. La cantina di invecchiamento è la più antica del Friuli e risale al 1200. Il letterato veneziano Marin Sanudo scriveva nel 1483 “Qui è perfettissimi vini” , già attorno all’anno mille infatti i monaci Agostiniani insegnarono ai locali a dissodare la terra e a coltivare la vite. Da allora la coltivazione della vite in queste zone non si è mai interrotta.

I grandi vini Rosazzo DOCG a confronto:

ProduttoreLivio FellugaLivio FellugaLe vigne di ZamoRonchi di Manzano
Annata2018201720132018
VitignoFriulano, Pinot Bianco, SauvignonFriulano, Pinot Bianco, Sauvignon, Malvasia, Ribolla GiallaChardonnay, Friulano, Ribolla Gialla, SauvignonChardonnay, Friulano, Ribolla Gialla, Sauvignon
AffinamentoFriulano piccole botti di rovere francese. Pinot Bianco e Sauvignon acciaio.Affinamento di 10 mesi in piccole botti di rovere francese.Chardonnay tonneaux di legno da 5 h. Friulano, Ribolla Gialla, Sauvignon in acciaio.Affinato in acciaio Inox.
ParticolaritàDa sempre tra i più prestigiosi e longevi bianchi d’Italia, il Terre Alte è un vino che con l’affinamento raggiunge una incredibile complessità terziaria.Le uve sono coltivate nei vigneti provenienti dalla storica Abbazia di Rosazzo.Il lungo affinamento in bottiglia, consente a questo vino di raggiungere complessità e maturità straordinarie.Le uve sono raccolte da vigneti disposti in un unico appezzamento, creando il Rosazzo Bianco direttamente in vigna.


1